CESARE BOCCI, CARRIERA E VITA PRIVATA - Dalla prima edizione de Il commissario Montalbano (parliamo di quasi 18 anni fa), Cesare Bocci interpreta il personaggio di Mimì Augello. In questi anni di carriera, però, l’abbiamo visto in tante altre fiction e anche al cinema e al teatro. Scopriamo tutto, ma proprio tutto, sulla vita privata e sulla carriera di Cesare Bocci.

Gli esordi da attore

Sin da ragazzo, Cesare Bocci aveva le idee chiare sul suo futuro: voleva fare l’attore. A 23 anni, dopo il liceo, si è iscritto alla scuola di recitazione di Camporotondo di Fiastrone (il suo paese di nascita nelle Marche), iniziando a recitare al teatro nella compagnia della Rancia di Tolentino, del quale anche è socio fondatore.

Il debutto al cinema

Il debutto al cinema arrivò a 33 anni, nel 1990 con il film L’aria serena dell’ovest di Silvio Soldini, mentre nel 2001 fu coprotagonista nel film Princesa. Al cinema, però, Cesare Bocci continuò ad affiancare sempre anche il teatro, con spettacoli come Arlecchino innamorato, La famiglia dell’antiquario e La stanza del delitto.

Il grande successo con Montalbano

Il successo in tv, Cesare Bocci lo ha ottenuto proprio con Il Commissario Montalbano: il personaggio di Mimì Augello, interpretato da quasi 18 anni dall’attore, a fianco di Luca Zingaretti, lo ha reso celebre ad un ampio pubblico.

Foto Kikapress

LEGGI ANCHE: LUCA ZINGARETTI, TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE

Le numerose fiction

A Il Commissario Montalbano hanno fatto seguito molte altre fiction o miniserie tv di grande successo, come Elisa di Rivombrosa ed Elisa di Rivombrosa – parte seconda, Il bello delle donne, Commesse, Io e Mamma, Provaci ancora Prof, Volare – La grande storia di Domenico Modugno e Una grande famiglia.

Cesare Bocci conduttore

Negli ultimi anni, Cesare Bocci ha debuttato anche come conduttore nel programma di Raitre Il giallo e il nero e alla conduzione di Miss Italia, su La7, con Massimo Ghini e Francesca Chillemi.

Cesare Bocci e la compagna Daniela

Dal 1993 Cesare Bocci è legato alla compagna Daniela, la quale, però, in seguito alla nascita della figlia Mia, è stata colpita da un ictus post-parto. Non è stato facile per Cesare Bocci e per tutta la sua famiglia accettare questa situazione: “Lei non sapeva neanche di essere mamma, vedeva le foto di Mia e non la riconosceva – ha raccontato in una passata intervista l’attore riferendosi alla compagna - Per due anni, non ha potuto curarla. La bambina non la riconosceva, perché era cresciuta con me e con la tata. Abbiamo dovuto rivolgerci a degli psichiatri”.

Il libro Pesce d’aprile

Nonostante quel terribile episodio, oggi, a distanza di 17 anni da quel giorno, Cesare e Daniela sono più uniti che mai e hanno deciso di raccontare la loro storia nel libro Pesce d’aprile, consapevoli che la loro storia avrebbe potuto aiutare molte persone.

Amante della geologia

Oltre ad essere un attore di successo, Cesare Bocci è un dottore laureato in Scienza Geologiche, disciplina che lo appassiona molto.

I premi vinti

Cesare Bocci, nel corso della sua carriera, ha vinto il Premio Gassman nel 2005, per il Miglior Musical Sweet Charity e il Premio Flaiano, nel 2012, per la sua interpretazione nel musical La cage aux folles.

Per saperne di più:

Cesare Bocci su Facebook