PIF VITA PRIVATA E CARRIERA - Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, è uno dei conduttori e dei registi italiani più apprezzati degli ultimi anni. Il suo volto e la sua voce narrante hanno appassionato milioni di italiani del programma di Mtv Il Testimone e nei suoi due film La mafia uccide solo d'estate (ora diventata anche serie tv) e In guerra per amore. Ma andiamo a ripercorrere tutta la carriera di Pif, svelandovi qualche curiosità che potreste non conoscere sulla sua vita privata.

Figlio di un regista

Il talento del regista, Pif ce l'aveva nel sangue. Pierfrancesco Diliberto è infatti figlio del regista Maurizio Diliberto e di una maestra di scuola elementare Mariolina Caruso. Spinto, forse anche dal padre, ma soprattutto dalla sua personale passione, Pif si è avvicinato al mondo del cinema quando aveva solo 10 anni. Senza terminare l'università, decise di spostarsi a Londra per partecipare a dei corsi di Media Practice e a 27 anni iniziò ad assistere alcuni dei registi più grandi, da Franco Zeffirelli in Un tè con Mussolini a Marco Tullio Giordana ne I cento passi.

L'esordio da autore televisivo

Nel 1998, Pif, partecipò ad un concorso di Mediaset, a Milano, diventando così autore televisivo. La prima esperienza da autore la fece con Candid & Video Show su Italia 1 nel 2001, per poi continuare con Le Iene, programma di inchiesta nel quale è stato sia autore che inviato.

Foto Kikapress

Pif Vj per Mtv

Per i più giovani, Pif è diventato un volto più familiare nel 2007, anno in cui è diventato Vj per Mtv, presentando anche l'Mtv Day 2007.

Il perché del nome d'arte Pif

Il soprannome Pif è stato dato a Pirefrancesco Diliberto da Marco Berry durante un viaggio di lavoro. Prima di allora, per tutti Pif era la Iena Pierfrancesco.

I viaggi del Testimone

Il primo programma interamente ideato da Pif è stato Il testimone. I suo viaggi in giro per il mondo, nelle situazioni più assurde o suggestive, sono iniziati su Mtv nel 2007, mentre nel 2011 Pif è stato protagonista de Il testimone Vip, programma tv che svelava e approfondiva la vita dei personaggi famosi.

Il debutto alla regia

Nel 2013 Pif ha debuttato come regista cinematografico nel film La mafia uccide solo d'estate, nel quale è stato anche protagonista. Nel 2016 ha presentato il suo secondo film, In guerra per amore, che ha pre-aperto anche la Festa del Cinema di Roma. In entrambi i film, Pif ha raccontato la mafia da un punto di vista nuovo e coraggioso.

Parentesi sanremese

Nel curriculum di Pif c'è anche Sanremo: nel 2014, infatti, il regista e conduttore televisivo ha presentato Sanremo & Sanromolo, l'anteprima di ogni serata del festival condotto da Luciana Littizzetto e Fabio Fazio.

Il ritorno a Le iene

Nel 2016 è stato tra i conduttori de Le Iene, accanto a Geppi Cucciari, Miriam Leone, Fabio Volo e Nadia Toffa.

La storia con Giulia Innocenzi

La storia d'amore più chiacchierata di Pif è stata quella con la giornalista tv Giulia Innocenzi (che per anni abbiamo visto nei programmi di Michele Santoro). Il gossip ha parlato di rottura nell'estate del 2016, ma in una intervista recente ad Oggi, il conduttore non ha escluso un possibile ritorno di fiamma. Resta il fatto che a Pif non piace parlare della sua vita privata: "Di queste cose non parlo neanche con i miei", ha dichiarato ad Oggi.

L'intesa con Miriam Leone

Non sembra esserci del tenero tra Pif e Miriam Leone, ma tra i due c'è una grande intesa, confermata da In guerra per amore, secondo film dell'ex Iena, nel quale sono entrambi protagonisti. In un'intervista, scherzando, Pif ha dichiarato: "Le ho dato tantissimi baci. Ma li ho tagliati… Ogni tanto mi riguardo le scene e le faccio vedere ai miei amici… Purtroppo mi hanno detto che è tornata single troppo tardi, dopo che avevamo girato". Ma sono tanti i fan che vorrebbero vederli insieme non solo sul set.

 

Per saperne di più:

Pif su Instagram

Pif su Twitter